Corona I:Informazioni per datori di lavoro

Secondo il Ministero Federale delle Finanze, i datori di lavoro possono ora pagare ai loro dipendenti sussidi e sostenere fino a 1.500 euro in esenzione d'imposta o come benefici non monetari. Copre i benefici speciali che i dipendenti ricevono tra il 1° marzo 2020 e il 31 dicembre 2020. Ciò è subordinato alla condizione che le indennità e le prestazioni siano versate in aggiunta al salario già dovuto. Le prestazioni esenti da imposte devono essere registrate nel conto salariale. Le altre esenzioni fiscali e le indennità di valutazione rimangono invariate. Gli assegni e le prestazioni rimangono anche non contributivi nell'assicurazione sociale.

La natura fiscale e contributiva dei pagamenti speciali riconosce il contributo speciale e indispensabile dei dipendenti durante la crisi della Corona.

(Fonte: https://www.bundesfinanzministerium.de/Content/DE/Pressemitteilungen/Finanzpolitik/2020/04/2020-04-03-GPM-Bonuszahlungen.html )

 

Corona II:Informazioni per clienti commerciali:

Vogliamo riassumere la grata ricchezza di informazioni fornite dai governi e dalle associazioni imprenditoriali sulle misure di aiuto del legislatore in due punti importanti:

  •  Programma di aiuti d'emergenza del Land Baden-Württemberg

 

Il sostegno nell'ambito del programma di aiuti d'urgenza è destinato a garantire l'esistenza economica di lavoratori autonomi, imprese commerciali, imprese sociali e liberi professionisti. Il finanziamento viene erogato sotto forma di una sovvenzione una tantum non rimborsabile, inizialmente per tre mesi, fino ad un massimo di

  -   9.000 euro per i lavoratori autonomi individuali e le aziende fino a cinque dipendenti

    15.000 euro per le aziende fino a dieci dipendenti,

    30.000 euro per le aziende fino a 50 dipendenti.

Le Camere di Commercio e Industria locali e le Camere dell'Artigianato e delle Piccole Imprese sono responsabili dell'esame preliminare dei contenuti di tutte le domande, anche per i membri delle libere professioni.

Abbiamo esaminato la domanda (https://assets.baden-wuerttemberg.de/pdf/200325_Antrag_Soforthilfe-Corona_BW.pdf ) per voi:

Un problema centrale dell'applicazione è l'indicazione del motivo della situazione economica che minaccia l'esistenza dell'azienda o della strozzatura di liquidità o del crollo del fatturato. Un semplice riferimento alla pandemia di Corona e alle gravi perdite di domanda e di produzione ad essa associate, alle interruzioni delle catene di approvvigionamento, alle ondate di cancellazioni, alle perdite di commissioni, alle massicce perdite di vendite e di profitti non sono un motivo sufficiente per il finanziamento.

A questo punto occorre chiarire che e perché i costi di gestione (di che tipo e per quale importo) non possono essere coperti dall'azienda stessa, né ora né in un prossimo futuro.

 

Va precisato in che misura questo non potrà più essere fornito senza ulteriori fondi propri o fondi presi in prestito solo dopo l'11 marzo 2020 a causa degli effetti della pandemia di corona. Il collo di bottiglia, che può anche portare a una situazione che minaccia l'esistenza dell'azienda, deve essere direttamente attribuibile alla pandemia di corona. Ciò significa che va precisato fino a che punto la società non avrebbe subito una strozzatura di liquidità in circostanze normali (senza la pandemia di corona e i suoi effetti) a causa dei suoi attuali obblighi.

Può quindi essere utile o necessario che i vostri consulenti, in particolare gli avvocati d'affari e i consulenti fiscali, vi assistano nella raccolta e nella formulazione dei dati.

I programmi della L-Bank e della Bürgschaftsbank sono stati adattati alla crisi della Corona

(https://www.l-bank.de/artikel/lbank-de/tipps_themen/programmangebot-der-l-bank-bei-abflauender-konjunktur-und-krisensituationen.html ).

Anche in questo caso potrebbe quindi essere necessario che i vostri avvocati aziendali siano coinvolti nella raccolta e nella formulazione dei dati, ma anche nelle trattative.

 

  1. Sospensione dell'obbligo di dichiarazione di insolvenza per le imprese danneggiate dall'epidemia di corona

Abbiamo già riferito in merito. C'è un aiuto alla formulazione della legge, che abbiamo studiato per voi. Si prevede di regolare quanto segue:

Questo dovere del gestore di presentare istanza di fallimento è punibile per legge e responsabilità. Ulteriori rischi di responsabilità derivano dai divieti di pagamento previsti dal diritto societario in caso di apertura di una procedura di insolvenza. Anche gli organi direttivi delle associazioni sono soggetti all'obbligo di presentare una dichiarazione di insolvenza con una responsabilità. Le attuali incertezze rendono inoltre difficile la preparazione di previsioni e piani affidabili su cui basare la concessione di prestiti per la ristrutturazione.  Di conseguenza, la concessione di prestiti per la ristrutturazione è anche associata a rischi di responsabilità e di rescissione, che ostacolano ulteriormente la disponibilità a concedere prestiti. Infine, se il debitore diventa insolvente, vi è il rischio che i creditori e i partner contrattuali del debitore debbano restituire i pagamenti e le prestazioni ricevute nelle successive procedure di insolvenza a seguito di una revocatoria fallimentare. Ciò può compromettere il mantenimento dei rapporti commerciali con il debitore.

L'obiettivo della proposta di legge sull'insolvenza è di consentire e facilitare la continuazione delle imprese divenute insolventi o in difficoltà finanziarie a seguito della pandemia COVID 19.

Ciò suggerisce che non solo l'obbligo di presentare una domanda di insolvenza, ma anche il diritto della revocatoria fallimentare sarà modificato. Partiamo dal presupposto che un'insolvenza che l'imprenditore giustifica con la crisi della Corona non comporta per il creditore l'obbligo di rimborsare i pagamenti ricevuti dal debitore sulla base di questi motivi a seguito di una revocatoria.

Possiamo rendere quest'informazione vincolante solo dopo l'approvazione della legge.

 

Chiedeteci i dettagli. Vi terremo informati.

Corona III: È sospeso l'obbligo di dichiarazione di insolvenza per le imprese colpite dall'epidemia di corona

(Comunicato stampa del Ministero Federale della Giustizia del 16.03.2020)

Il Ministero federale della giustizia e della tutela dei consumatori sta preparando un regolamento legale per sospendere l'obbligo di presentare istanza di insolvenza al fine di tutelare le imprese che si trovano in difficoltà finanziarie a causa dell'epidemia della corona. Il modello è fornito da un regolamento approvato in occasione delle alluvioni del 2002, 2013 e 2016.
Il ministro federale della giustizia e della protezione dei consumatori, Christine Lambrecht, spiega:
"Vogliamo evitare che le imprese debbano presentare una domanda di insolvenza solo perché gli aiuti decisi dal governo federale non arrivano in tempo. Il periodo regolare di tre settimane del codice di insolvenza è troppo breve per questi casi. Accompagniamo quindi il pacchetto di aiuti già adottato dal governo tedesco con la sospensione dell'obbligo di dichiarazione di insolvenza fino al 30 settembre 2020 per le imprese interessate. Con questo passo contribuiamo ad attenuare le conseguenze dell'epidemia per l'economia reale.
Il governo tedesco ha annunciato che fornirà diversi strumenti per sostenere la liquidità delle imprese che si trovano in difficoltà finanziarie a causa degli effetti dell'epidemia di corona.
Per motivi organizzativi e amministrativi, tuttavia, non vi è alcuna garanzia che tale assistenza raggiunga le imprese in tempo utile per rispettare il termine di tre settimane previsto per la richiesta di insolvenza obbligatoria.
Per evitare che le imprese interessate debbano presentare una domanda di insolvenza per il solo motivo che, nell'attuale situazione eccezionale, l'elaborazione delle domande di assistenza o di finanziamento pubblico o le trattative di ristrutturazione non possono essere portate a termine entro il periodo di tre settimane di insolvenza obbligatoria, la domanda di insolvenza obbligatoria deve essere sospesa da un regolamento legale per un periodo fino al 30 settembre 2020. Il presupposto per la sospensione è che la causa dell'insolvenza si basi sugli effetti dell'epidemia di corona e che vi siano ragionevoli prospettive di ristrutturazione sulla base di una richiesta di assistenza pubblica o di un serio finanziamento o di trattative di ristrutturazione da parte di una parte obbligata a presentare istanza di insolvenza. Inoltre, deve essere proposta un'autorizzazione per la BMJV a prorogare il provvedimento fino al 31 marzo 2021 al più tardi. "

Chiedeteci i dettagli. Vi terremo informati.

 

Corona IV: Conseguenze del virus corona per gli obblighi contrattuali negli affari, in particolare nel commercio (11.03.2020)

I contratti stipulati sono decisivi in primo luogo. Le informazioni qui fornite non possono quindi essere conclusive.

I contratti contengono spesso clausole di forza maggiore. A questi si fa riferimento a livello internazionale, soprattutto nei contratti in lingua inglese anche con il termine francese "Force Majeur".

Tali clausole contrattuali sono di solito molto generiche. Le catastrofi naturali, le restrizioni legali come gli embarghi o anche i conflitti armati, che sfuggono al controllo delle parti contraenti, si trovano spesso in queste clausole.

Le suddette restrizioni legali possono anche derivare da un'epidemia come il coronavirus. Quindi, anche se le epidemie non sono esplicitamente menzionate, vengono prese in considerazione. In futuro, gli studi legali di diritto commerciale internazionale come Dr. Einhaus & Partner includeranno probabilmente più epidemie nelle clausole contrattuali per creare maggiore certezza giuridica ed evitare problemi di interpretazione.

Se i contratti non contengono clausole di forza maggiore, è necessario verificare quale legge è applicabile e cosa dice questa legge in materia. Il diritto tedesco prevede un'esenzione dall'obbligo di adempimento se l'adempimento è oggettivamente impossibile.  In linea di principio sono escluse anche le richieste di risarcimento danni.

Tuttavia, va sottolineato che nel commercio internazionale si applica molto spesso la Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci (CISG). Questo prevede conseguenze simili.

In linea di principio, le parti devono fare tutto il possibile per "salvare" il contratto, cioè non devono entrare in crisi per colpa senza prendere le necessarie precauzioni. In caso contrario, può sorgere una richiesta di risarcimento danni.

Naturalmente, una soluzione amichevole dovrebbe avere la precedenza per mantenere il rapporto contrattuale, a condizione che non comporti servizi singoli, in particolare consegne contenenti merci deperibili.

 

Siamo lieti di aiutarvi per qualsiasi domanda!

Corona V: Congedo per malattia per telefono (alle ore: 10.03.2020 07:29h)

Le notifiche di malattia sono ora più facili da fare: i pazienti con malattie respiratorie lievi possono chiedere al loro medico di scrivere una nota di malattia per telefono. Questo per evitare che il coronavirus si diffonda.

Al fine di alleviare i medici nella crisi del coronavirus, i pazienti con malattie lievi delle vie respiratorie superiori possono più facilmente prendere un congedo di malattia fino a sette giorni.

I pazienti non hanno bisogno di visitare uno studio medico per questo; è sufficiente un consulto telefonico con il medico. Questo è stato concordato dall'Associazione nazionale dei medici legali dell'assicurazione sanitaria (KBV) e dall'Associazione centrale dell'assicurazione sanitaria legale, come entrambe le parti hanno annunciato.

Questo accordo è valido immediatamente e inizialmente per quattro settimane. Secondo la dichiarazione, si applicherà a "pazienti affetti da malattie lievi delle vie respiratorie superiori che non presentano sintomi gravi o non soddisfano i criteri dell'Istituto Robert Koch (RKI) per il sospetto di infezione da Covid-19".

Fonte: https://www.tagesschau.de/inland/krankmeldung-erkaeltung-101.html

Corona VI: Posso stare a casa se l'asilo o la scuola sono chiusi a causa di Corona? (10.03.2020)

Questa domanda è certamente posta da molti genitori di bambini piccoli o in età scolare. In particolare, non si vuole approfittare dei nonni, perché appartengono al gruppo delle persone "in pericolo".

In linea di principio, tuttavia, i genitori devono cercare altre forme di assistenza per il bambino - in realtà, quelle sane. Tuttavia, se non hanno nessuno, si deve cercare una discussione con il datore di lavoro per trovare una soluzione comune (ad es. ufficio a domicilio, riduzione degli straordinari, accumulo di ore meno ore che vengono poi ridotte, congedo non retribuito).

Se non riesco ancora a trovare qualcuno che si prenda cura di me e non è possibile trovare una soluzione con il datore di lavoro, il § 616 BGB (Codice Civile tedesco) può essere d'aiuto: chi è impossibilitato a venire al lavoro per motivi personali senza colpa continua a ricevere il proprio stipendio. Ma attenzione, perché questo paragrafo può essere escluso dal contratto di lavoro o dal contratto collettivo.

Susan Salar, avvocato specializzato in diritto del lavoro

Corona VII: Risarcimento dello Stato in caso di quarantena (10.03.2020)

Lavoro di breve durata a causa del virus corona: Richiedere l'indennità di breve durata

Se lo Stato mette in quarantena le persone a causa del virus corona, vi è un indennizzo per la perdita di salario o di fatturato per i lavoratori autonomi. Questo è regolato dalla legge sulla protezione dalle infezioni. In caso di lavoro a orario ridotto, l'agenzia di collocamento può prevedere un'indennità di lavoro a orario ridotto. Ad esempio, l'Agenzia Federale Tedesca per l'Impiego ha comunicato che le aziende che ordinano lavoro a orario ridotto a causa dei casi mondiali di malattia causati dal virus corona, che comporta una perdita di retribuzione per i loro dipendenti, possono richiedere un'indennità di lavoro a orario ridotto (https://www.arbeitsagentur.de/news/kurzarbeit-wegen-corona-virus). Nella pratica della consulenza, sarà certamente necessario sottolineare che le aziende che desiderano richiedere un'indennità di lavoro a breve termine a causa degli effetti della pandemia della corona devono informare in anticipo l'agenzia di collocamento responsabile. Questa agenzia verificherà poi se le condizioni per la prestazione sono soddisfatte.

Legge sulla protezione dalle infezioni: diritto al risarcimento del mancato guadagno

I periodi di isolamento regolari di 14 giorni in caso di sospetta infezione da Covid-19 portano inevitabilmente a chiedersi chi si assume il rischio di perdita di guadagno nel rapporto di lavoro, anche nel caso dei lavoratori autonomi, e se, ad esempio, gli enti statali sono responsabili della perdita di guadagno nel caso dei dipendenti o del fatturato nel caso dei lavoratori autonomi.

Il riferimento al § 615 BGB (remunerazione in caso di mancata accettazione e in caso di rischio aziendale) è corretto solo a prima vista. Sebbene il datore di lavoro si assuma il rischio della retribuzione, i dipendenti non svolgono il loro lavoro, poiché sono separati per ordine ufficiale per evitare l'ulteriore diffusione di malattie contagiose (§ 1 comma 1 IFSG), non possono lavorare affatto.

Se i dipendenti che lasciano il lavoro e quelli sospettati di essere infetti vengono separati (cioè messi in quarantena), hanno diritto a un indennizzo secondo il § 56 comma 1 periodo 2 IFSG, che si basa sulla perdita di guadagno (§ 56 comma 2 periodo 1 IFSG).

A quanto ammonta la richiesta di risarcimento?

Per le prime sei settimane viene concessa per l'ammontare della perdita di guadagno e dall'inizio della settima settimana per l'ammontare dell'indennità di malattia ai sensi del § 47 comma 1 SGB V, a condizione che la perdita di guadagno non superi il limite di guadagno annuo applicabile all'obbligo legale di assicurazione malattia (§ 56 comma 2 frasi 2, 3 IFSG). Per perdita di guadagno si intende la retribuzione (§ 14 SGB IV) alla quale i dipendenti hanno diritto a un importo ragionevole del loro orario di lavoro regolare, previa detrazione delle imposte e dei contributi previdenziali e di promozione dell'occupazione o delle corrispondenti spese previdenziali (retribuzione netta). A tale importo si aggiungono l'indennità per lavoro ridotto (vedi sopra) e l'indennità invernale sovvenzionata a cui i dipendenti avrebbero diritto se non fossero stati segregati.

Diritto per i lavoratori dipendenti e per i lavoratori autonomi

Ciò che ora vale per i lavoratori dipendenti e autonomi:

Per i dipendenti, l'azienda paga un compenso durante le prime sei settimane. La società ha una richiesta di rimborso nei confronti dello Stato (§ 56 comma 5 pag. 2, 3 IFSG). Questa richiesta di risarcimento ha la precedenza (secondo h.M.) anche sulle richieste di prosecuzione della retribuzione ai sensi del § 3 della legge sulla continuazione della retribuzione (Continued Remuneration Act - EFZG). Non è la malattia il motivo del "non lavoro", ma l'ordine ufficiale che porta all'obbligo di risarcimento da parte dello Stato.
Le spiegazioni di cui sopra valgono di conseguenza per i lavoratori autonomi. Se il loro sostentamento è minacciato, su richiesta possono essere rimborsati anche i costi aggiuntivi, come ad esempio, in misura adeguata, il rimborso delle spese aziendali non finanziate (§ 56 (4) IFSG).

Rispettare il termine ultimo per la presentazione delle candidature

Le richieste di risarcimento devono essere presentate alle autorità statali competenti entro tre mesi dalla fine della separazione (cfr. § 54 IFSG, le autorità sanitarie sono regolarmente responsabili, in determinate circostanze anche gli uffici di previdenza).

Siamo lieti di consigliarvi, per saperne di più sui nostri servizi